RIUNIONE COMITATO DI CRISI

 COMITATO ex Protocollo 14 marzo 2020 

Verbale della riunione del 9 aprile 2020 

In data 9 aprile 2020 si è riunito nuovamente il Comitato istituito con il Verbale d’Accordo del 23 marzo 2020, ai sensi del Protocollo sottoscritto in data 14 marzo u.s. dal Governo e dalle parti sociali.

Nel corso dell’ampio e approfondito dibattito, è stata evidenziata la necessità di proseguire nelle attività di sanificazione e pulizia dei luoghi di lavoro, compresi i mezzi aziendali e gli impianti di areazione.

Al riguardo, l’Azienda ha fornito lo stato di avanzamento degli interventi distinguendo tra sanificazioni e pulizie.

Le prime sono state completate in tutti i siti aziendali, le seconde, invece, saranno realizzate secondo le disposizioni previste dal protocollo del 14 marzo 2020 e, cioè, utilizzando prodotti a base di cloro ed alcol. Ulteriori interventi di sanificazione verranno effettuati in caso di necessità. Quotidianamente si procederà con operazioni di pulizia conformi alle indicazioni dettate dal suddetto Protocollo, con utilizzo di alcol e cloro.

Per quanto riguarda, poi, la pulizia e la sanificazione degli impianti di climatizzazione, l’azienda si è attivata affinché già dal corrente mese di aprile siano avviati tutti gli interventi necessari programmati a tale scopo. A riguardo l’Azienda evidenzia che in via straordinaria la periodicità degli interventi di sostituzione filtri, pulizia delle griglie di ripresa e bocchette di mandata sarà eseguita con una cadenza mensile e ripetuta nel mese di maggio e giugno.

Con riferimento alle mascherine, l’Azienda ha confermato quanto già comunicato in merito alle modalità di utilizzo sia di quelle previste per gli uffici postali (tipologia FFP2) e sia di quelle in dotazione in PCL (che sono di tipo chirurgico).

Sempre a proposito di mascherine, si chiarisce, inoltre, che l’approvvigionamento delle stesse è ormai ampiamente sufficiente per i prossimi mesi. Con particolare riguardo alle mascherine chirurgiche, si conferma che le stesse sono dispositivi monouso e devono essere sostituite con cadenza quotidiana.

Con riguardo alla COI 58, quindi, l’Azienda effettuerà un’integrazione della stessa al fine di chiarire ulteriormente le indicazioni operative sul tema, con specifico riferimento alle modalità di utilizzo dei dispositivi.

In ambito MP, per quanto riguarda la dotazione di schermi in plexiglass per le sale consulenza, viene stabilito che saranno forniti in tutta Italia, dopo i test in corso a Napoli (nel corso del prossimo Comitato saranno forniti tempi certi); nel frattempo le attività in ambito sala consulenza saranno rese con tutte le dotazioni di sicurezza previste. Resta fermo il completamento dell’installazione sugli sportelli degli uffici layout sin qui chiusi e man mano che verranno riaperti.

L’Azienda conferma che la formazione obbligatoria erogabile in modalità e-learning verrà ulteriormente rafforzata con particolare riferimento agli aggiornamenti riguardanti “specifica lavoratori” e agli aggiornamenti relativi a “aggiuntiva preposti”.

Si specifica, inoltre, che si continuerà a fornire le brochure esplicative sui comportamenti da tenere e le modalità di utilizzo dei dispositivi di sicurezza.

Si conferma quanto già comunicato nel corso dell’incontro del 8 aprile u.s. e cioè che il regime di Lavoro Agile sarà prorogato fino al 18 aprile 2020, relativamente alle attività per le quali lo stesso è stato attivato, fatte salve nuove disposizioni che dovessero intervenire da parte delle Autorità competenti.

Per quanto riguarda i Termoscanner, nel confermare l’installazione presso i 16 siti CS ed in 3 HUB di SDA, l’Azienda ha rappresentato che procederà ad ulteriori installazioni pressi i siti aziendali di grandi dimensioni (presenza di personale superiore alle 150 risorse).

Con riferimento alla Sorveglianza Sanitaria, l’Azienda ha definito una specifica Linea Guida finalizzata a disciplinare l’espletamento delle visite durante il periodo di emergenza epidemiologica; relativamente al coinvolgimento dei Medici Competenti da parte dei lavoratori in condizioni di “fragilità”, d’intesa con le strutture competenti e sulla base delle indicazioni delle autorità sanitarie nazionali e internazionali l’Aziendaha definito una specifica procedura, in corso di formalizzazione. Tali documenti saranno inviati ai componenti del Comitato, dell’OPN e degli OOPPRR.

Nel corso dell’incontro sono stati forniti i dati aggiornati relativi all’impatto del contagio in ambito Poste Italiane.

A tale riguardo, si ribadisce che in caso di positività riscontrata negli ambiti lavorativi, l’Azienda procede nel pedissequo rispetto delle disposizioni delle Autorità sanitarie in materia, in stretto coordinamento con le stesse, fornendo immediate indicazioni alle strutture aziendali coinvolte.

Infine, il Comitato – allo scopo di verificare l’adeguatezza delle misure poste in essere, sempre in stretta sinergia con i lavori degli OOPPRR ed al fine di valorizzarne le evidenze – si incontrerà nuovamente il giorno 21 aprile 2020 alle ore 10:30 sempre in modalità videoconferenza, fatta salva la necessità di convocazione in altra data precedente, in caso di urgenza.

POSTE ITALIANE E OO.SS.

 

SCARICA Il Verbale Comitato OPN 9 aprile 2020